Chiara Ferragni agli Uffizi
Chiara Ferragni agli Uffizi
Chiara Ferragni agli Uffizi
Chiara Ferragni agli Uffizi
Chiara Ferragni agli Uffizi

I numeri, solidi e incontrovertibili, contro le polemiche, futili e spesso dannose. Il passaggio di Chiara Ferragni agli Uffizi ha generato nelle ultime ore un’assurda diatriba, fomentata da chi – non si capisce bene per quale motivo – ha considerato fuori luogo i post e le attività della fashion blogger all’interno del museo fiorentino: c’è chi l’ha criticata per l’abbigliamento, chi per i selfie, chi se l’è presa addirittura con la Galleria che l’ha definita «una sorta di divinità contemporanea nell’era dei social».

Chiara, con ironia, si è difesa lasciando un velo di mistero sul progetto che sta realizzando con Vogue Hong Kong: «Leggo i soliti commenti indignati sulla mia visita agli Uffizi», ha scritto, «e penso a quando uscirà la sorpresa che abbiamo scattato lì». Sulla stessa linea il marito Fedez: «Prima di indignarvi aspettate di capire cosa stava facendo lì. Tra l’altro gli shooting di moda in luoghi d’arte sono frequenti. Vi arrabbiate per i selfie con le opere? Tantissimi visitatori li fanno, non mi sembra uno scandalo».

Dopo le parole di supporto del sindaco Dario Nardella («c’è gente che la critica anche quando visita i musei») e i messaggi di stima del direttore della struttura Eike Schmidt («attacchi snob e maschilisti»), a far scendere il sipario sulla polemica sono arrivati i dati degli ingressi agli Uffizi nel fine settimana, ossia subito dopo le foto di Chiara: «I visitatori Under 25 sono cresciuti del 27% rispetto allo scorso weekend», spiega lo stesso Schmidt a Fanpage, «e i nostri canali social sono schizzati alle stelle».

«Questa grande spinta ci consentirà di far rientrare alcune persone che ora sono in cassa integrazione», aggiunge il direttore, che è rimasto sorpreso dalla cattiveria di alcuni commenti: «Attacchi ad una donna imprenditrice accusata per i suoi soldi. E poi non capisco perché nessuno si sia indignato quando altre celebrità, vedi Richard Gere o Russell Crowe, si sono scattati una foto davanti ad alcuni capolavori». Insomma, due pesi-due misure. E sui social c’è ancora chi continua a buttare benzina sul fuoco.

Se nemmeno il dato tangibile di un avvicinamento dei giovani alla cultura zittisce gli hater, allora forse ha davvero ragione Fedez: «Dite semplicemente che Chiara Ferragni vi sta sui cog**oni a prescindere e pace fatta”.

LEGGI ANCHE

Chiara Ferragni agli Uffizi, che la definiscono «divinità contemporanea»

LEGGI ANCHE

Chiara Ferragni e le foto a Forte dei Marmi con Leone

Source: Vanityfair