Fedez e Chiara Ferragni entrano nel sesto mese di dolce attesa
Fedez e Chiara Ferragni entrano nel sesto mese di dolce attesa
Fedez e Chiara Ferragni entrano nel sesto mese di dolce attesa
Fedez e Chiara Ferragni entrano nel sesto mese di dolce attesa
Fedez e Chiara Ferragni entrano nel sesto mese di dolce attesa
Fedez e Chiara Ferragni entrano nel sesto mese di dolce attesa

In mutande e reggiseno, davanti ad uno specchio, senza filtri. Chiara Ferragni, nell’ultimo post dedicato alla propria gravidanza, ha deciso di mostrarsi per com’è, parlando a cuore aperto di un momento che non è solo, e non è tutto rose e fiori. «Entrambe le gravidanze sono state molto fortunate, perché non ho quasi mai avuto nausea. Nei primi tre mesi con la bimba», però, «Ero veramente stanchissima rispetto a Leo», ha scritto online l’influencer, rispondendo – senza cercare di indorare la pillola – a chi le chiedesse come stia vivendo questa seconda attesa.

«Con entrambe le gravidanze, ho sofferto di reflusso, in special modo fino alla ventiseiesima settimana. Con la bimba ancora di più», ha spiegato la Ferragni, la cui secondogenita dovrebbe nascere a marzo. «Ora sono alla ventottesima settima», ha poi detto, «Con Leo, dalla trentatreesima settimana, ho avuto un problema alla placenta che mi ha costretta al riposo. Speriamo non succeda anche con la bimba», ha continuato l’influencer, dando vita e voce a paure che spesso sono taciute.

La gravidanza, nel suo racconto mediatico, è sempre stata felicità e gioia. E nessuno, non tra chi online ha pubblico e potere, si è mai azzardato a dire altrimenti. Solo di recente, complice l’azione dirompente di alcuni vip, i piccoli e grandi tabù hanno cominciato a cadere, ricordando (e ricordandoci) che maternità significa (anche) paura, ansia e solitudine, significa aborto spontaneo, smagliature, un senso di inadeguatezza di fronte al quale non è più dato (fortunatamente) minimizzare.

LEGGI ANCHE

Chiara Ferragni e l’ecografia: «Guarda che bella che è»

LEGGI ANCHE

Ashley Graham e le altre: la maternità non è solo rose e fiori. E (finalmente) si può dire

Source: Vanityfair